giovedì 12 ottobre 2017

Il buon giorno si vede dal mattino





Da un po’ di tempo mi sveglio felice nonostante avrei uno o più motivi per rimanere a impigrire sotto le coperte. Il clima, adesso, è dalla mia parte. I mattini, quando suona la sveglia, sono ancora bui, tuttavia mi sento un grillo e non mi costa fatica scivolare giù dal letto. Mi basta spalancare la finestra, puntare lo sguardo verso l’orizzonte e lasciare che l’aria fresca mi pizzichi il viso, per sentirmi subito in forma e di buonumore.

mercoledì 4 ottobre 2017

VISION. Narra te stesso


Foto by Davide Tricotti



Dopo aver trascorso uno splendido fine settimana, ritorno qui carica di energia, con l’adrenalina a mille e la voglia di raccontare quel che è stato il mio weekend.

giovedì 28 settembre 2017

.



Dove nascono le storie?
Quando racconto la storia di Ambrogina zanzarina sottozero, mi rivolgono sempre questa domanda. Me lo chiedono i bambini nelle scuole e dove mi capita di presentare il libro.
A me piace dire che le storie nascono nella testa di coloro che non si accontentano di guardare, ma che osservano il mondo con occhi speciali, quelli dell’immaginazione. I bambini mi seguono con attenzione e io inizio a raccontare come è nata la favola. 
Poi, la seconda domanda:  
Quando scrivi un’altra storia? 
E lì, mi spiazzano.

sabato 23 settembre 2017

Dietro i vetri




Dalla finestra dello studio non vedo altro che tetti e alberi. Tetti di case, non palazzi.
Solo tegole, comignoli, antenne della tv e galletti segnavento.
Poi, il cielo. Che quando è limpido, sembra il mare.
I comignoli, dritti come sentinelle, sbuffanti d’inverno e annoiati d’estate, assumono forme differenti a seconda dello stile della casa che li sorregge. Alcuni, raffinati, sfoggiano la loro eleganza come modelli da sfilata. Altri, banali, costruiti senza immaginazione. Semplici parti terminali di una canna fumaria.
Le antenne, un intreccio di segmenti metallici, così disarmoniche di giorno, quando cala la sera, indossano il loro esile fascino per svettare, controluce, al tramonto, assieme ai segnavento che qui,  hanno tutti la stessa forma: galletti sottili, di ferro battuto, con o senza i quattro punti cardinali a sorreggerli. Girano, secondo il soffiar del vento, o rimangono fermi, immobili, verso la direzione scelta dall’ultima folata.
Laggiù, verso nord, nascoste tra la chioma della gigantesca magnolia, si intravedono le montagne. Una piccola fetta di panorama con una cima, che non saprei nemmeno riconoscerla insieme a tutte le altre. Le montagne. Solo se salissi di un piano, le vedrei tutte quelle cime!
Verso sud, invece, non si vede proprio niente. Il tetto della casa del vicino copre tutta la visuale che, altrimenti, sarebbe rivolta alla campagna. Un tetto con nessuna poesia. Grigio, nemmeno un abbaino. Fosse di tegole rosse, saprei guardarlo rendendogli merito; invece è deprimente, come il suo comignolo prefabbricato.
Gli alberi sono quelli dei giardini. Non sono pochi. Da quassù se ne contano così tanti che andarli a cercare tutti mi ci vorrebbe la bicicletta. Sono alberi da frutto, alberi ornamentali, siepi diventate alberi. Una tavolozza di ogni tonalità di verde che diventerà rosso, marrone, giallo. E poi, solo rami.
Da sinistra a destra, non si vede l’orizzonte. Solo tetti e alberi. Comignoli e antenne. E galletti segnavento.
Di sera, però, vedo tramontare il sole. Tutto quel che c’è sotto, lo avvolge il buio. Sopra, quel che sembrava il mare, si trasforma in dune del deserto. Arancio, indaco, blu notte. Poi, le stelle.

lunedì 18 settembre 2017

Bentornato spirito HYGGE






Nonostante la data ufficiale del suo arrivo sia il 23 settembre, l’autunno è arrivato. Penso che questa stagione faccia la sua comparsa già alla prima giornata di fresco dopo la pioggia di fine estate.